Rimborso vaccino antinfluenzale per le PMI Manifatturiere e Meccaniche Confimi

Il Fondo PMI Salute delle Piccole e Medie Imprese Manifatturiere e Meccaniche Confimi, ha previsto il rimborso di parte dei costi del vaccino antinfluenzale ai dipendenti che ne faranno richiesta.

Il Fondo PMI Salute promuove un’azione diretta a tutelare i lavoratori e l’ambiente in cui esercitano la propria professione, facendosi carico di rimborsare nei prossimi mesi parte dei costi sostenuti dalle aziende per la somministrazione del vaccino antinfluenzale ai dipendenti che ne faranno richiesta e presteranno il proprio consenso (a differenza della normale copertura assicurativa, i familiari a carico saranno esclusi). Tale iniziativa – che si aggiunge alla polizza Pandemie (Protezione COVID-19 e altre Sindromi Influenzali di natura pandemica), scaduta lo scorso 31/8/2020 , – si allinea alla campagna del Ministero della Salute di voler anticipare ad ottobre l’inizio delle vaccinazioni per evitare di confondere i sintomi dell’influenza stagionale con il COVID-19.
La procedura di rimborso si attiverà per le aziende in regola con la contribuzione che, entro il 31/3/2021, caricheranno sul portale di PMI Salute specifica documentazione, secondo le istruzioni fornite sulla relativa piattaforma accedendo alla propria Area Riservata.
All’indirizzo e-mail comunicazione@fondopmisalute.it, invece, dovrà pervenire esclusivamente la comunicazione di avvenuto deposito della suddetta documentazione con la richiesta di rimborso.
Il Fondo, esaminata la correttezza dei dati ricevuti, provvederà a rimborsare ciascuna ditta in un’unica soluzione. La cifra massima per singolo vaccino è stata fissata in € 18,00.
Qualora il dipendente si sottoponesse alla vaccinazione, privatamente e in totale autonomia, potrà presentare alla propria azienda lo scontrino o la fattura con il costo del vaccino. La spesa sostenuta dal lavoratore verrà rimborsata direttamente dall’azienda, la quale, a sua volta, conteggerà tale cifra nel totale da presentare a PMI Salute e procederà a rimborsare il dipendente.
Questo tipo di vaccinazione non è obbligatoria ma potrebbe rivelarsi un efficace strumento di prevenzione al fine di rallentare un’eventuale recrudescenza della pandemia nella stagione autunnale.