Agevolazioni”Piccola proprietà contadina”: decadenza con i conferimenti a SRL


Il contribuente che ha acquistato dei terreni agricoli fruendo dell’agevolazione della “Piccola proprietà contadina”, decade dal beneficio in caso di conferimento dei suddetti terreni in una Società a responsabilità limitata (Agenzia entrate – risposta n. 68/2020).

Gli atti di trasferimento a titolo oneroso di terreni e relative pertinenze, posti in essere a favore di coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali, iscritti nella relativa gestione previdenziale ed assistenziale, sono soggetti alle imposte di registro ed ipotecaria nella misura fissa ed all’imposta catastale nella misura dell’1%.
Tale agevolazione decade in caso di vendita e conferimenti dei predetti terreni nei cinque anni dalla stipula degli atti di acquisto.


Nel periodo vincolato, l’agevolazione non decade in caso di:
– alienazione o concessione del terreno in godimento a favore del coniuge, di parenti entro il terzo grado o di affini entro il secondo grado, che esercitano l’attività di imprenditore agricolo;
– alienazione del terreno conseguente all’attuazione di politiche comunitarie, nazionali e regionali volte a favorire l’insediamento di giovani in agricoltura o tendenti a promuovere il prepensionamento nel settore.


L’agevolazione è salva anche in caso di conferimenti a società di persone; discorso diverso è invece previsto per le società che non rivestono la forma giuridica di società di persone.
Infatti, nell’ipotesi di terreni acquistati con l’agevolazione e conferiti nel periodo quinquennale ad una Srl unipersonale partecipata dalla stesso contribuente, è prevista la decadenza dei benefici.